Direttiva n. 2001/2018 promozione uso energia da fonti rinnovabili

La Direttiva n. 2001/2018 abroga, con effetto dal 01/07/2021, la Direttiva 23/04/2009, n. 28 sulla promozione dell’uso dell’energia da fonti rinnovabili, attuata nell'ordinamento italiano dal D. Leg.vo 03/03/2011, n. 28, ridisciplinando l’intera materia e fissando almeno al 32% l’obiettivo per la quota complessiva di energia da fonti rinnovabili sul consumo finale lordo dell'Unione nel 2030. In sintesi la Direttiva stabilisce norme relative: - al sostegno finanziario per l'energia elettrica da fonti rinnovabili; - all'autoconsumo di tale energia elettrica; - all'uso di energia da fonti rinnovabili nel settore del riscaldamento e raffrescamento e nel settore dei trasporti; - alla cooperazione regionale tra gli Stati membri e tra gli Stati membri e i paesi terzi; - alle garanzie di origine dell’energia da fonti rinnovabili; - alle procedure amministrative; - all'informazione e alla formazione. Sono fissati inoltre i criteri di sostenibilità e di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra per i biocarburanti, i bioliquidi e i combustibili da biomassa. Con particolare riferimento alle procedure amministrative di autorizzazione (art. 15), l’Unione europea dispone che gli Stati membri adottino misure appropriate per garantirne la semplificazione e lo snellimento e prevede l’istituzione (art. 16) di uno o più sportelli che guidino e assistano il richiedente durante la procedura amministrativa di presentazione della domanda di autorizzazione fino all'adozione di una o più decisioni da parte delle autorità responsabili al termine del processo, fornendogli tutte le informazioni necessarie e coinvolgendo, se del caso, altre autorità amministrative. In ogni caso le procedure autorizzative non possono superare un periodo di due anni per le centrali elettriche e un anno per gli impianti con una capacità elettrica inferiore a 150 kW. In circostanze straordinarie tali periodi sono prorogabili fino ad un anno. Viene infine rivisitato il sistema di formazione, certificazione e qualificazione degli installatori (art. 18 e allegato IV). Le nuove disposizioni (elencate nell'art. 36) della Direttiva devono essere recepite dagli Stati membri entro 30/06/2021, mentre il recepimento delle rimanenti norme discende dalla Direttiva n. 2009/28/CE, trattandosi di disposizioni che restano sostanzialmente immutate.

Written by  08/01/2019 Legislazione
Alessio Bezzi

Alessio Bezzi dopo un percorso formativo di tipo scientifico (Laurea in Chimica Industriale e abilitazione alla Professione di Chimico all’Università di Genova nel 1996) ha proseguito con studi di tipo gestionale ed organizzativo attraverso Master in Gestione della Qualità e dell’Ambiente e con successivi corsi di perfezionamento e qualifica come Lead Auditor su vari standard internazionali di certificazione. E’ un senior professional avendo maturato, nei campi di propria competenza, esperienza in molteplici organizzazioni nel settore industriale, dei servizi e della pubblica amministrazione, assumendo incarichi di responsabilità per primarie aziende ed avendo coordinato per circa quindici anni come partner la divisione operativa di OIKOS Servizi S.r.l. Formatore qualificato in materia di sicurezza sul lavoro e docente nelle altre materie di competenza, da circa dieci anni è Lead Auditor per le norme ISO 14001, BS OHSAS 18001 (iscritto al registro KHC) nonché per gli standard EMAS, ISO 50001, ISO 20121, ISO 39001, EN 14065.
Fondatore e General Manager di OIKOS AREA è il coordinatore tecnico di tutte le aree di business.

 

Scrivici

per avere maggiori informazioni, saremo felici di risponderti il prima possibile.

  1. Captcha   

OIKOS AREA

A network of professionals in step with the times.

oikos-italia

Network

Headquarters
Bologna, Italy

Roma, Italy
Torino, Italy
Piacenza, Italy